Lo smart working è legge

È in vigore dal 14 giugno 2017, ma forse non tutti la conoscono ancora bene, si tratta della legge sullo smart working, meglio nota come Jobs Act dei lavoratori autonomi e smart working.
Ecco perché vi riassumiamo di seguito i punti salienti, utili anche agli imprenditori per meglio gestire le proprie risorse in azienda.

Definizione
Nella legge lo smart working viene così definito: “modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato stabilita mediante accordo tra le parti, anche con forme di organizzazione per fasi, cicli e obiettivi e senza precisi vincoli di orario o di luogo di lavoro, con il possibile utilizzo di strumenti tecnologici per lo svolgimento dell'attività lavorativa".

Luogo di lavoro

Emerge subito una differenza rispetto al vecchio telelavoro, in quanto lo smart working è una “prestazione lavorativa eseguita in parte all'interno di locali aziendali e, senza una postazione fissa, in parte all'esterno entro i soli limiti di durata massima dell'orario di lavoro giornaliero e settimanale derivanti dalla legge e dalla contrattazione collettiva”. Il telelavoro, invece, prevede che la prestazione lavorativa si svolga esclusivamente al di fuori dell’azienda.

Orario e compenso

Secondo quanto stabilito dalla nuova legge, questo tipo di lavoro non è necessariamente vincolato da orari, ma solo da obiettivi e mansioni specifiche.
Per quanto riguarda la retribuzione del lavoratore, poi, questa deve essere conforme a quanto stabilito dal contratto collettivo e restano applicabili eventuali incentivi fiscali e contributivi in relazione agli incrementi di produttività ed efficienza del lavoro subordinato.

Sicurezza e strumenti di lavoro

Al fine di garantire il diritto del lavoratore alla tutela contro infortuni e malattie professionali, il datore di lavoro è responsabile della sicurezza e del buon funzionamento degli strumenti tecnologici assegnati al lavoratore per lo svolgimento dell'attività lavorativa.
Inoltre L'Art. 14 delle Legge n.81/2017 prevede che "La gravidanza, la malattia e l'infortunio dei lavoratori autonomi che prestano la loro attività in via continuativa per il committente non comportano l'estinzione del rapporto di lavoro, la cui esecuzione, su richiesta del lavoratore, rimane sospesa, senza diritto al corrispettivo, per un periodo non superiore a centocinquanta giorni per anno solare, fatto salvo il venir meno dell'interesse del committente". 
In caso di malattia o infortunio di gravità tale da impedire lo svolgimento dell'attività lavorativa per oltre sessanta giorni, il versamento dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi viene sospeso per l'intera durata della malattia o dell'infortunio fino ad un massimo di due anni, decorsi i quali il lavoratore è tenuto a versare i contributi e i premi maturati durante il periodo di sospensione in un numero di rate mensili pari a tre volte i mesi di sospensione. 

Modalità di attivazione
L’accordo con il quale il lavoratore passa alla “modalità smart” deve essere stipulato per iscritto, come un qualsiasi altro contratto di lavoro, specificando i tempi di lavoro e di riposo e il diritto alla disconnessione dalla strumentazione tecnologica lavorativa, è inoltre risolvibile unilateralmente da entrambe le parti previo preavviso di 30 giorni.

Lo smart working in Italia
La Ricerca 2016 dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano aveva rilevato una forte crescita delle iniziative strutturate di smart working nelle grandi imprese, il 30% di queste ha intrapreso o consolidato nell’ultimo anno misure agili di lavoro contro il 17% dell’anno precedente.
Attualmente tra i 22 milioni di lavoratori in Italia, si contano circa 300 mila smart worker effettivi e 5 milioni potenziali, di cui 3,7 milioni in aziende private e 1,3 milioni nelle Pubbliche Amministrazioni (le quali hanno confermato l’obiettivo di offrire ad almeno il 10% dei lavoratori forme di flessibilità entro il 2018).
Dal 2013 c’è stato un incremento del 40%, come trasformazioni di rapporti di lavoro già esistenti, per un valore pari al 7% dei dipendenti.
La grande sfida, dunque, resta l’apertura di questa possibilità nelle PMI, che costituiscono oltre il 95% delle attività produttive del nostro Paese.

Fonte: www.secondowelfare.it