Cos'è l'ambient marketing

Oggi vi vogliamo parlare di una nuova forma di marketing non convenzionale: l’ambient marketing.
Come molti altri tipi di marketing innovativi e originali (ad es. il guerrilla marketing) anche questo ha il pregio di arrivare al consumatore in luoghi e momenti in cui non si aspetterebbe di ricevere messaggi pubblicitari o promozionali approfittando, così, dell’effetto sorpresa per vincere la sua normale resistenza rispetto a questo tipo di comunicazione.
L’ambient marketing però ha qualcosa in più, è trasversale e si posiziona dove proprio non ci si aspetta di trovare comunicazione pubblicitaria.
In fondo l’inaspettato è ciò che si richiede al marketing di oggi, dove il consumatore è costantemente bombardato da molteplici messaggi su tutti i media (web, tv, radio,…) con il rischio che questo sovraffollamento causi un disinteresse sempre maggiore all’ascolto.
L’ambient marketing sfrutta gli ambienti pubblici (piazze, stazioni, fermate degli autobus o delle metro…) per veicolare il suo messaggio creando interesse e curiosità e talvolta anche divertimento in un momento “vuoto” del destinatario (i cosiddetti micro-momenti). In questo modo non si rischia di essere invadenti e si arriva comunque all’obiettivo.
In questo senso l’ambient marketing è molto vicino al marketing esperienziale, che permette all’utente di vivere, appunto, un’esperienza che lo porta ad agire in qualche modo.
Ma come si sceglie il luogo perfetto per la propria azione di ambient marketing? Sarebbe bene trovare un luogo dove intercettare il proprio target specifico (ad esempio, per chi promuove viaggi o turismo sarebbe perfetto un aeroporto, una stazione o simili).


Ecco qualche esempio di successo:

Airbnb ha arredato una cabina della filovia per mostrare la bellezza delle stanze da trovare in affitto sul suo sito.

Ikea ha sostituito la classica panchina scomoda della fermata dell’autobus con un divano.

Titanbet ha trasformato i dissuasori di traffico del centro di Milano in pile di fiches in movimento che, oltre a sorprendere i passanti, dovevano richiamare lo slogan aziendale «il gioco non si ferma mai».

Life Park, un protection store in cui trovare qualsiasi prodotto assicurativo su misura «contro gli imprevisti di tutti i giorni», ha addirittura ricreato uno scenario post-bellico al centro di Milano.

Jeep ha ideato dei parcheggi “appositi” per i suoi fuoristrada.

IBM ha facilitato la salita delle scale ai viaggiatori con trolley con questo annuncio “per smart cities”.

Leggi tutto...

Il marketing di prossimità

In questa era di innovazione, digitalizzazione e e-commerce i “vecchi” negozi fisici possono sopravvivere?
Secondo alcuni sì, ma soltanto se sapranno utilizzare a proprio vantaggio i nuovi mezzi messi loro a disposizione, come ad esempio una cosa chiamata marketing di prossimità (o, in inglese, proximity marketing).
Ma di cosa si tratta esattamente? Altri non è che un modo per sfruttare il digitale a nostro favore, usando la tecnologia mobile che guida smartphone & co. e che ci segue praticamente ovunque grazie alla perenne connessione internet.
Questa tecnica non agisce, infatti, su un target di utenti ben definito, bensì sugli individui che si trovano in una determinata area e siano in prossimità di un dispositivo attraverso il quale sia possibile instaurare una comunicazione.
Così negozi, ristoranti, cinema e tutti i luoghi fisici per l’acquisto di beni e servizi, invece di utilizzare pubblicità o volantini per arrivare ad un potenziale cliente, possono semplicemente mandare un messaggio a chiunque passi davanti alla loro vetrina.
Ma possiamo andare oltre. Sfruttando i Big Data di Google, ad esempio, potremmo conoscere i gusti e le necessità di quel passante: se cerca un regalo per la fidanzata, se è vegano, che numero di scarpe porta, e così via, in modo da “intercettarlo” prima che passi al prossimo negozio.
In questo modo si trasporta nel mondo mobile e digital quel savoir-faire e quel clima di fiducia un tempo riservato al negoziante sotto casa: dimostrando al potenziale cliente che sappiamo di cosa ha bisogno ed abbiamo una soluzione al suo problema, lo portiamo a fare un passo oltre la soglia del negozio fisico.
Dal punto di vista prettamente tecnologico, per fare marketing di prossimità, possiamo sfrutta gli iBeacons, ovvero piccoli strumenti di connessione che possono identificare con estrema precisione la posizione di una persona dotata di un cellulare connesso. Tra i primi ad aver implementato questa tecnologia troviamo McDonalds a Tesco, che nei propri retail store comunicano con i possibili clienti sfruttando questa tecnologia, interagendo con il prodotto giusto in base alla posizione nel negozio.
Un’altra tecnica adottata per fare marketing di prossimità è il Digital e Mobile signage, tecniche che permettono di spostare l’interazione ottenuta grazie al marketing di prossimità su device interattivi, come lavagne digitali, proiettori, display LED. Ci sono poi altri mezzi, come RFID, NFC, audio di prossimità, motion capture, e eye tracking, dalle altrettante possibilità di interazione.
“In Italia” - scrive Ninja Marketing- “questo tipo di attività vengono ancora realizzate in maniera timida e superficiale, complice anche la complicata legge sulla privacy e la nostrana tendenza a vivere ogni attività che ci coinvolge fuori da uno schermo come un’”invasione”, ma all’estero il marketing di prossimità sta diventando uno strumento imprescindibile per i negozi fisici, con vantaggi innegabili anche per gli stessi consumatori”.

Leggi tutto...

Centri Commerciali Addio?

L’idea che i centri commerciali avessero iniziato il loro declino ha cominciato a serpeggiare già qualche anno fa, quando negli Stati Uniti, culla degli shopping mall, questi grandi tempi del consumismo hanno cominciato a chiudere i battenti.
Nell'ultima decade, una trentina di questi punti vendita hanno chiuso. Il caso più eclatante è stato il famosissimo Macy’s che a gennaio di quest’anno ha deciso la chiusura di molti magazzini, a seguito di un drastico calo delle vendite.
Sempre negli U.S.A. è nato anche un fenomeno di riconversione di questi luoghi, definiti “dead malls” (centri commerciali morti), dove grandi aziende come Google hanno deciso di trasferire i propri uffici. Si tratta infatti di aree immense, il cui disuso sarebbe un problema per le città in cui si trovano, oltre che un enorme spreco di risorse.
È addirittura nato un sito specializzato per censire questi luoghi che in alcuni casi sembrano città fantasma e l’associazione di categoria dei centri commerciali americani (Council of Shopping Centers) sta tentando di contrastare il declino tramite la consulenza di una grande società di relazioni pubbliche, Burson-Marsteller, "per contrastare la pubblicità negativa".
Ma il mercato è inesorabile: su 1.200 centri commerciali censiti negli Stati Uniti, il 15% è a rischio di scomparsa perché disertato dai consumatori.
Ma il fatto che i centri commerciali cominciano a perdere colpi, non implica per forza una crisi della grande distribuzione in generale. Infatti, analizzando i consumi medi delle famiglie (in America come in Europa) questi non sono calati, ma si sono semplicemente spostati: la fascia di spesa medio-alta verso i piccoli negozi locali, quella medio-bassa verso i discount.
L’analisi in Italia è stata svolta telefonicamente da TradeLab su Milano, Roma e Catania ed ha coinvolto 3.000 utenti, 1.000 per ogni provincia e hinterland, di età compresa tra i 18 e i 74 anni.
Rispetto al 2015 l’affluenza ai centri commerciali è diminuita (-6,6 %), ma i numeri rimangono comunque elevati: il 90,5% degli intervistati li frequenta. Contemporaneamente è in aumento il numero di persone che usano internet per il proprio shopping (il 65,2% dei partecipanti all’indagine, +5.8% rispetto al 2015), mentre cala l’attenzione dei consumatori per i negozi nei centri urbani (-7%). 
I consumatori preferiscono recarsi direttamente in negozio soprattutto per saperne di più sui prodotti per la cura della persona e profumeria, beni per la casa e abbigliamento (circa 90%). Nel settore alimentare rimangono in voga i volantini (19,6%), mentre per l’elettronica e la telefonia la maggior parte delle persone esegue ricerche su internet.
In questo panorama, come è possibile rilanciare i centri commerciali? Utilizzando internet per valorizzare la propria immagine, per sviluppare e mantenere le relazioni con i clienti, a partire dai social media, dalla creazione di un sito web, fino all’utilizzo di pubblicità on line, blog, newsletter e perché no, anche di un’apposita applicazione. Secondo la quasi totalità degli esperti (96,8%) nei prossimi anni aumenteranno gli investimenti nella comunicazione web/digitale, mentre uno su due pensa che aumenteranno anche sul fronte dell’unconventional e guerilla marketing e di eventi e concorsi all’interno del centro commerciale, tuttavia è fondamentale che gli eventi creati siano mirati e distintivi.

Fonte: Sofarmamorra

Leggi tutto...

INSTAGRAM: I SEGRETI DEGLI HASHTAG

L’estate è sicuramente il momento migliore per “mettersi in paro” con le competenze social, soprattutto per quanto riguarda Instagram, il network di condivisione fotografica dai risvolti business che forse non conoscete appieno.
Il segreto del successo su Instagram si deve principalmente ad un uso corretto degli hashtag, ovvero le parole precedute dal simbolo # e che contrassegnano in un certo senso le vostre foto per argomento, facilitandone la ricerca agli altri utenti.
Saper usare correttamente questo strumento vi aiuterà ad aumentare like e visibilità, anche e soprattutto nel caso in cui abbiate deciso di usare Instagram per scopi lavorativi e promozionali della vostra azienda o marchio.
Secondo gli esperti, infatti mettere gli hashtag giusti al posto giusto può aumentare follower e commenti fino al 300%.
Innanzitutto non dovrete mai esagerare con la quantità di hashtag, Instagram stesso pone un limite di 30 per ogni commento o didascalia.
Un altro trucco è saper mixare gli hashtag tra generici e specifici, che illustrino la foto a mo’ di didascalia e che attirino like raggiungendo più pubblico possibile. Meglio raggrupparli tutti insieme dopo la descrizione o la didascalia perché sicuramente gli hashtag sparsi qua e là all’interno di una frase creano confusione e disturbano la lettura.
Avrete sicuramente notato che molti utenti usano hashtag come: followMe, like4like, like, 100likes, ecc… che possono sembrare fastidiosi o poco illustrativi, ma a quanto pare funzionano. Prendono il nome di “social proof hashtags, hashtag a prova di social, e secondo gli esperti questa promessa di scambio like funziona finora.
Per la scelta degli hashtag giusti potete anche affidarvi ai trend del momento, cercandoli su Twitter o su Iconosquare, dove vengono evidenziati come “trending topic”, ovvero gli argomenti del giorno, per inserirvi in conversazioni o ricerche più seguite.
Importante è anche coinvolgere le comunità di Instagramers delle varie città, a seconda della pertinenza della foto o della vostra provenienza. Aiutano a localizzarvi ma anche a fornire spunti a chi si trova nel vostro raggio d’azione (gli hashtag sono tutti costutituiti dalla parola “igers” seguita dalla città o regione, (es. #igerstoscana, #igersfirenze).
Infine, se non vi piace l’effetto dell’accumulo di hashtag sotto la foto, potete sempre scriverli in seguito, in un commento separato: così l’immagine sarà comunque raggiungibile tramite la ricerca hashtag ma non avrà un elenco di parole precedute dal cancelletto sotto la didascalia.

Fonte articolo: Huffington Post

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS