Startup: sempre più finanziamenti

Negli ultimi 4 anni i finanziamenti alle startup innovative, erogati dal Fondo Garanzia per le PMI, sono stati in tutto 477.070.202 €.
Una cifra importante, che riflette l’aumento costante, dal 2013, di questo tipo di imprese.
I dati sono stati diffusi dal Mise con il secondo rapporto trimestrale 2017 sull’accesso al fondo da parte di startup, PMI innovative e incubatori certificati.
In questo ultimo trimestre preso in esame, inoltre, le operazioni di finanziamento approvate dal Fondo sono aumentate rispetto a quelle rilevate in precedenza, raggiungendo il numero più alto di sempre: 403.


(fonte: Italia Oggi Sette)

In maggioranza le imprese che hanno richiesto questo tipo di finanziamento sono ubicate al Centro-Nord del Paese, con, al primo posto, la Lombardia con 588 operazioni. Seguono: Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige.
A facilitare questa fruizione sono i metodi, semplici e veloci, per le startup iscritte al registro delle imprese che hanno un accesso preferenziale. I requisiti vengono verificati rapidamente e tutte le comunicazioni avvengono via e-mail.
La garanzia sui finanziamenti bancari viene concessa a titolo gratuito e l’importo massimo garantito per ogni azienda è di 2,5 milioni di euro.

 

Fonte: Italia Oggi Sette

 

Leggi tutto...

LO FA LA APP

Alcune startup hanno recentemente raggiunto il successo creando app che svolgono compiti stressanti, noiosi o faticosi al posto dell’utente.
La natura stessa delle app, in fondo, come di tutte le moderne comodità è basata appunto sull’idea di facilitare la vita di chi le scarica. Vi riportiamo di seguito gli esempi più eclatanti degli ultimi tempi:


Bagbnb mette a disposizione una rete luoghi pubblici, come bar o ristoranti. dove depositare le valigie, di qualsiasi peso o dimensione senza limiti di orario, a un costo fisso di cinque euro. Utilissima nei casi in cui il check-out dall’hotel avviene troppo presto e volete finire di visitare la città.


Wanderio invece è un vero e proprio tour operator: pianifica il tuo viaggio dai trasporti ai trasferimenti, fino ai mezzi pubblici e prenota tutto online confrontando prezzi e combinando i vari movimenti.


Qurami vi evita le code snervanti tramite un numero virtuale per mettersi in fila in qualsiasi luogo, dall’ufficio postale al supermercato.


Vicker permette, al costo minimo di venti euro, di far svolgere i lavori domestici ad altri, come una sorta di marketplace per lavoretti occasionali, dalle pulizie al giardinaggio.

 
Yougenio è un’altra startup Made in Italy molto simile che comprende 120 attività diverse, dalla stiratura alle disinfestazioni, mentre Mario App, attiva in Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Lazio, fa incontrare domanda e offerta per lavori artigianali dall’idraulico al falegname, dall’elettricista, all’imbianchino al traslocatore. Taskhunters è dedicata agli studenti universitari, sempre per svolgere piccoli lavori.


Supermercato24, ti consegna a casa la spesa entro un’ora di tempo. Quomi spedisce ricette stagionali e ingredienti freschi ogni settimana. Wag permette di contattare delle persone per portare a spasso i nostri cani. DogVacay.com invece consente di affidare il proprio amico a quattro zampe ad una famiglia amante degli animali durante le vacanze o i viaggi del padrone. 

Leggi tutto...

FOOD ONLINE: MEGLIO SU MISURA

Cereali preparati su misura (con mymuesli.com), biscotti personalizzati da ricevere un’ora dopo l’ordine (a Cupertino con Doughbies), gli abbonamenti giornalieri allo spuntino (si paga un tot alla settimana per snack a domicilio su Naturebox.com) fino alle caffetterie dove la consegna a domicilio include la torrefazione al momento raccontano quanto il food e il largo consumo siano il terreno di conquista per l’innovazione digitale un tempo appannaggio solo di fashion e accessori.
La società Roland Berger ha condotto uno studio sui nuovi modelli di business digitali selezionando 100 start-up «Fast Mover Consumer Goods» in tutto il mondo che ridefiniscono le abitudini di consumo. A emergere è uno scenario dove l’e-commerce del cibo è «una categoria ancora di nicchia nell’online globale (vale circa il 9%, ndr)», spiega Pierpaolo Mamone, principal di Roland Berger e responsabile practice consumer goods, «ma è destinata a crescere grazie alla tecnologia, per un giro d’affari che insieme ai prodotti per la cura della persona sarà di 220 miliardi di dollari (211 mld di euro) entro il 2020 con un incremento del 16% annuo, oltre ogni altra categoria di spesa».
La ragione va ricercata «nei consumatori «always on», sempre connessi, che con il digitale vogliono risparmiare tempo, ma soprattutto fare esperienza di marca, quella gourmet experience tagliata su misura che tante start-up e anche i grandi marchi stanno proponendo in rete».
Alcuni paesi rappresentano già delle best practice nel settore dell’e-commerce del food: è il caso della Corea del Sud e del Regno Unito, dove la percentuale di internet user ad aver acquistato online prodotti alimentari confezionati è pari rispettivamente al 51% e al 37%, mentre in Germania Roland Berger stima che Amazon diventerà il secondo player nel mercato grocery entro il 2020.
La Penisola resta nelle stime un paese più tradizionale nell’approccio alla spesa alimentare. «In generale nel 2017 il tasso di intensità dell’online crescerà se le marche saranno in grado di andare incontro alle domande latenti dei consumatori che vogliono velocità negli acquisti e risparmio in primis», racconta Mamone. «In Italia è dinamico l’e-commerce dei settori consumer electronic e del fashion, ma ci aspettiamo una crescita del food anche nelle categorie meno rappresentate. Parlo di quello che viene definito confectionary, dagli snack al cioccolato ai dolci».
Sono legate proprio al settore dolciario le start-up più innovative legate all’e-commerce del cibo. «Dalla tedesca mymuesli.com ai biscotti della californiana Doughbies, l’online risponde anche a una voglia di artigianalità di preparato al momento», aggiunge Mamone. «Ognuno compone la propria ricetta e ci sono anche abbonamenti online per avere il pranzo sul desk dell’ufficio o lo spuntino pomeridiano a base di frutta secca come garantisce Naturebox».
Anche i grandi brand stanno innovando «per lo più ricorrendo a partnership», afferma la ricerca di Roland Berger. Kitkat Nestlé, per esempio, si è alleato con Android (il sistema operativo di Google), Ferrero insieme con Universal Studios ha lanciato i Tic Tac Minions, E sempre da Kinder Ferrero, secondo quanto risulta a ItaliaOggi sono attesi gli ovetti con la confezione collegata a giochi di realtà aumentata.

(Fonte: Italia Oggi)

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS