EUROPA NEWS DEL 29.03.2018

OPPORTUNITÀ’ FINANZIAMENTI EUROPEI (clicca qui)

 

 

FUTURO DELL’UE
L'Italia e la ricerca europea: gli eurodeputati italiani a confronto sul 9PQ di R&I
Mercoledì 21 marzo, presso il Parlamento Europeo a Bruxelles, si è tenuto l’incontro “L’Italia e la ricerca europea - Gli europarlamentari italiani a confronto sul prossimo Programma Quadro nel campo della ricerca e innovazione”. Il dialogo è stato l’occasione per agevolare uno scambio di vedute – da una prospettiva italiana - sul futuro della ricerca e dell’innovazione europee e sui contenuti del Programma Quadro di R&I post-2020 (FP9), in vista della proposta formale che la Commissione Europea presenterà a giugno – subito dopo la proposta sul Quadro Finanziario Pluriennale, il bilancio di lungo termine dell’UE 2021-2027 – e del processo legislativo che ne seguirà. (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

POLITICA DI COESIONE
L'Alleanza europea per la coesione mette in guardia la Commissione: tagliare i fondi regionali è un rischio per il futuro dell'Europa
Il 22 marzo è stata consegnata ai Commissari europei per il Bilancio Oettinger e per la Politica regionale e urbana Creţu una dichiarazione per una Politica di coesione forte dopo il 2020, firmata da più di 4000 sostenitori e governi locali che rappresentano oltre il 90% degli europei. In tale occasione il Commissario Oettinger ha assicurato che non si tratterà di un ridimensionamento drastico. I tagli saranno prossimi al 5% dell'attuale dotazione. I Commissari hanno però sollecitato tutti i partner dell'Alleanza a fare pressione sui rispettivi governi per convincerli ad aumentare i propri contributi nazionali al Bilancio europeo. (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

MERCATO INTERNO
Battuta d’arresto per l’e-card europea
La Commissione IMCO (Mercato Interno) del Parlamento Europeo ha respinto ad ampia maggioranza la proposta di regolamento della Commissione Ue che mira a introdurre la carta elettronica per i servizi professionali. A seguito del voto parlamentare, spetta ora al Consiglio Ue dire una parola definitiva sul futuro della proposta di regolamento della Commissione Ue. (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Ultima modifica ilVenerdì, 06 Aprile 2018 10:10