Facebook: arriva Marketplace

Dal 14 agosto la nuova funzione Marketplace di Facebook è stata resa disponibile in 17 paesi europei tra cui l’Italia.
Si tratta di una sorta di mercatino on-line usufruibile da tutti gli utenti maggiorenni per la compravendita di oggetti e verrà introdotto gradualmente in tutto il mondo.
Per accedervi è sufficiente cliccare sull’icona del mercato (vedi sotto) sia da dispositivi mobile iOs e Android tramite app che da desktop.


Se non la trovate subito potrebbe essere necessario aggiornare la vostra app sul cellulare.
Una volta entrati in Marketplace troverete tutti gli annunci compatibili con i vostri interessi; così, infatti, funziona l’algoritmo di Facebook (anche per le sponsorizzazioni e le notizie sulla vostra Home page) basandosi sulle vostre interazioni con le altre pagine, utenti, i vostri like e commenti e le ricerche in generale. Lo stesso avviene su Marketplace, dotato di un motore interno in grado di restituire risultati filtrati per categorie di prodotto, prezzo e distanza geografica tra venditore e compratore.
Qui un video che spiega il funzionamento di Markeplace.
Sarà possibile vendere e acquistare qualsiasi oggetto, dalle puntine da disegno alle case al mare, esclusi, ovviamente, prodotti illegali, armi da fuoco, alcol e animali.
La trattativa, proprio come avviene nei gruppi Facebook di compravendita già esistenti e nelle app-mercatino, viene gestita direttamente tra utenti, a cui spetta il compito di fissare il prezzo finale e la modalità di invio del bene acquistato.
Per prevenire o porre rimedio a frodi e vendite non autorizzate dal regolamento, Facebook ha predisposto una pagina per le segnalazioni, che purtroppo però non è ancora disponibile per tutti gli utenti.
Che sia necessaria una regolamentazione anche per questo, dopo Air BnB & co.? Staremo a vedere…

Fonte: Wired

Leggi tutto...

12 APRILE, PERUGIA

Leggi tutto...

DONNE MANAGER: IMPRESE IN CRESCITA

L’indagine “The future of business” condotta da Ocse e World Bank in partnership con Facebook mostra che le imprese guidate da donne investono maggiormente all’estero e sanno sfruttare meglio le potenzialità del web.
Sono circa 60 milioni le aziende con meno di 250 dipendenti che nel mondo hanno aperto una pagina Facebook. Un campione rappresentativo di queste aziende è stato selezionato un anno fa in 22 Paesi (oggi saliti a 33) per un monitoraggio a campione. Lo scorso dicembre, erano circa 140 mila i proprietari di pagine Business su Facebook che nel mondo hanno partecipato all’indagine mensile. In Italia le aziende coinvolte sono oltre 7.400 e, secondo un’indagine di Registro.it nel nostro Paese il 27% dei piccoli e medi ha una pagina Facebook.
Dalla ricerca congiunta emerge che le aziende che producono almeno il 25% delle entrate grazie all’export sono più spesso guidate da donne che da uomini (41% contro 31%). Il 76% delle imprenditrici usa la Rete per promuovere il business contro il 74% degli imprenditori, oppure per mostrare prodotti/servizi (78% contro 74% delle aziende al maschile). Percentuali più alte anche quando si tratta di fornire informazioni online (69% delle aziende rosa contro il 62% di quelle al maschile).
«In genere, le donne non sono viste come i principali consumatori di tecnologia, ma in realtà, stanno usando il digitale più degli uomini per gestire le proprie attività», fa notare il country manager di Facebook in Italia, Luca Colombo.
Uomini e donne imprenditrici hanno però la stessa opinione su un punto: l’occupazione. Nei prossimi sei mesi, il 71% delle aziende manterrà stabile il proprio organico. Il 20% ha invece in previsione un aumento dei dipendenti contro il 17% di tre mesi prima. Infine il 9% prevede un «restringimento» dell’organico.

Fonte: Corriere Economia

Leggi tutto...

Facebook al lavoro con Workplace

Il 10 ottobre scorso è stata inaugurata Workplace, la nuova piattaforma di Facebook dedicata al lavoro e alle aziende di tutto il mondo. Oltre dieci anni di perfezionamento per raggiungere questa versione beta che, secondo quanto dichiarato dallo stesso Mark Zuckerberg sul suo profilo, mira a: «connettere tutte le figure presenti nella vostra azienda e trasformare le idee in azioni con gruppi di discussione». Questo avviene attraverso un news feed personalizzato, chiamate audio e video e la possibilità di una maggiore cooperazione, anche a grandi distanze.
In pratica Workplace è il Facebook per connettere i colleghi, dovunque essi siano nel mondo.



Tra le altre funzioni che offre Workplace troviamo: gruppi multi-aziendali, traduzione automatica, trending post e filtri di ricerca. 
L’idea è quella di scorporare più seria di Facebook da quella ludica e di relax creando una piattaforma pur sempre social, ma solo a scopo professionale. 
Tutto nasce da una semplice analisi statistica: il 20% di chi utilizza Facebook durante l’orario di lavoro lo fa per ottenere informazioni che lo aiutino a risolvere problemi professionali, il 17% per creare relazioni più forti con i propri colleghi e il 17% per comunicare con qualcuno interno alla propria azienda (dati pubblicati dal Pew Research Center). http://www.pewinternet.org/2016/06/22/social-media-and-the-workplace/
Piccolo, ma fondamentale dettaglio: Workplace è il primo servizio a pagamento di Facebook. Richiede infatti la sottoscrizione al modello di business e prevede un sistema di tariffe mensili per utente attivo. Le aziende, infatti, pagano solo per quello che effettivamente utilizzano.
Al momento i cinque paesi che utilizzano di più Facebook Workplace sono India, Norvegia, Stati Uniti, Regno Unito e Francia.

Fonte: The next tech/Startup Italia

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS