12 APRILE, PERUGIA

Leggi tutto...

DONNE MANAGER: IMPRESE IN CRESCITA

L’indagine “The future of business” condotta da Ocse e World Bank in partnership con Facebook mostra che le imprese guidate da donne investono maggiormente all’estero e sanno sfruttare meglio le potenzialità del web.
Sono circa 60 milioni le aziende con meno di 250 dipendenti che nel mondo hanno aperto una pagina Facebook. Un campione rappresentativo di queste aziende è stato selezionato un anno fa in 22 Paesi (oggi saliti a 33) per un monitoraggio a campione. Lo scorso dicembre, erano circa 140 mila i proprietari di pagine Business su Facebook che nel mondo hanno partecipato all’indagine mensile. In Italia le aziende coinvolte sono oltre 7.400 e, secondo un’indagine di Registro.it nel nostro Paese il 27% dei piccoli e medi ha una pagina Facebook.
Dalla ricerca congiunta emerge che le aziende che producono almeno il 25% delle entrate grazie all’export sono più spesso guidate da donne che da uomini (41% contro 31%). Il 76% delle imprenditrici usa la Rete per promuovere il business contro il 74% degli imprenditori, oppure per mostrare prodotti/servizi (78% contro 74% delle aziende al maschile). Percentuali più alte anche quando si tratta di fornire informazioni online (69% delle aziende rosa contro il 62% di quelle al maschile).
«In genere, le donne non sono viste come i principali consumatori di tecnologia, ma in realtà, stanno usando il digitale più degli uomini per gestire le proprie attività», fa notare il country manager di Facebook in Italia, Luca Colombo.
Uomini e donne imprenditrici hanno però la stessa opinione su un punto: l’occupazione. Nei prossimi sei mesi, il 71% delle aziende manterrà stabile il proprio organico. Il 20% ha invece in previsione un aumento dei dipendenti contro il 17% di tre mesi prima. Infine il 9% prevede un «restringimento» dell’organico.

Fonte: Corriere Economia

Leggi tutto...

Facebook al lavoro con Workplace

Il 10 ottobre scorso è stata inaugurata Workplace, la nuova piattaforma di Facebook dedicata al lavoro e alle aziende di tutto il mondo. Oltre dieci anni di perfezionamento per raggiungere questa versione beta che, secondo quanto dichiarato dallo stesso Mark Zuckerberg sul suo profilo, mira a: «connettere tutte le figure presenti nella vostra azienda e trasformare le idee in azioni con gruppi di discussione». Questo avviene attraverso un news feed personalizzato, chiamate audio e video e la possibilità di una maggiore cooperazione, anche a grandi distanze.
In pratica Workplace è il Facebook per connettere i colleghi, dovunque essi siano nel mondo.



Tra le altre funzioni che offre Workplace troviamo: gruppi multi-aziendali, traduzione automatica, trending post e filtri di ricerca. 
L’idea è quella di scorporare più seria di Facebook da quella ludica e di relax creando una piattaforma pur sempre social, ma solo a scopo professionale. 
Tutto nasce da una semplice analisi statistica: il 20% di chi utilizza Facebook durante l’orario di lavoro lo fa per ottenere informazioni che lo aiutino a risolvere problemi professionali, il 17% per creare relazioni più forti con i propri colleghi e il 17% per comunicare con qualcuno interno alla propria azienda (dati pubblicati dal Pew Research Center). http://www.pewinternet.org/2016/06/22/social-media-and-the-workplace/
Piccolo, ma fondamentale dettaglio: Workplace è il primo servizio a pagamento di Facebook. Richiede infatti la sottoscrizione al modello di business e prevede un sistema di tariffe mensili per utente attivo. Le aziende, infatti, pagano solo per quello che effettivamente utilizzano.
Al momento i cinque paesi che utilizzano di più Facebook Workplace sono India, Norvegia, Stati Uniti, Regno Unito e Francia.

Fonte: The next tech/Startup Italia

Leggi tutto...

Internet: i trend 2016 da conoscere

L’esperta analista web Mary Meeker (ex analista della Morgan Stanley e oggi partner in un’azienda di venture capital) ha recentemente pubblicato la sua ricerca Internet Trends per il 2016, un report annuale che ci da qualche informazione utile su come muoverci per non rimanere imbrigliati nella rete.
Innanzitutto un dato fondamentale: 4 persone su 10 al mondo sono connesse (40% del totale). E questo numero è destinato a crescere, mentre è in calo la crescita annuale passata dal 16% del 2009 all’attuale 9%.
Dove si cresce di più? In India a quanto pare, dove dal 35% del 2014 si è passati al 40% del 2015 con quasi 300 milioni di indiani connessi.
Alla diffusione di Internet sicuramente contribuisce la vendita degli smartphone , sempre in forte crescita.
Addentrandoci nel territorio della pubblicità, restiamo comunque nell’ambito mobile, poiché la fetta maggiore della crescita viene dagli ads mobile (due terzi del +20% complessivo registrato negli Stati Uniti).
Non è un caso che Facebook registra ormai più accessi da mobile che da altri dispositivi, e quest’anno gli utenti mobile hanno superato per la prima volta quelli desktop.
Cosa deriva da tutto ciò? Un aumento delle vendite online, ovviamente! Secondo la ricerca della Meekers hanno raggiunto il 10% del totale. Ma in questo settore sarà necessario investire maggiormente in futuro, visto che a quanto pare trascorriamo il 25% del tempo connessi da mobile, ma destiniamo solo il 12% degli investimenti pubblicitari a questo mezzo.
Attenzione però al come vengono proposti questi annunci pubblicitari perché l’81% degli utenti ha dichiarato di silenziare gli ads video, il 62% di essere infastidito dalla pubblicità “imposta” prima di un contenuto, ed addirittura il 92% sta ha preso in considerazione l’idea di acquistare un software per bloccare gli ads (adblocker).
Un altro suggerimento arriva dalla generazione Y (tra i 20 e i 30 anni): i messaggi di testo sono il futuro della comunicazione, anche per aziende e negozi, al posto delle telefonate.
Per fare un esempio concreto, in Cina oltre il 31% degli utenti di WeChat fa acquisti tramite la stessa app. Gli appartenenti alla generazione Z (10-20 anni) invece preferiscono comunicare attraverso le immagini con Snapchat, Facebook, Instagram e WhatsApp.

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS