PIL: 2016 POSITIVO PER L'ISTAT

Stando ai dati preliminari diffusi dall’Istat il 2016 dell'economia italiana si sarebbe chiuso con un pizzico di ottimismo.

La variazione del pil stimata sui dati trimestrali grezzi è risultata pari a + 0,9 per cento. Se il dato sarà confermato a marzo, si tratterebbe dell'incremento maggiore dal 2010, quando la crescita si attestò all'1,7 per cento. Da allora, il prodotto interno lordo italiano è salito dello 0,6 per cento nel 2011, è sceso del 2,8 per cento nel 2012 e dell'1,7 per cento nel 2013, per poi tornare ad aumentare dello 0,1 per cento nel 2014 e dello 0,7 per cento nel 2015. Il dato corretto per gli effetti di calendario è anche migliore e dice più 1,0 per cento. La differenza si spiega con i due giorni lavorativi in meno contati dal 2016 rispetto al 2015. In entrambi i casi l'andamento è superiore allo 0,8 per cento atteso dal governo e si traduce in una variazione acquisita per il 2017 pari a più 0,3 per cento.  
Positivo è anche il risultato del quarto trimestre, durante il quale il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,2 per cento rispetto al trimestre precedente e dell'1,1 per cento nei confronti dello stesso periodo del 2015.  
La variazione congiunturale, spiega l'istituto di statistica, è la sintesi di un aumento del valore aggiunto nei settori dell'industria e dei servizi e di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell'agricoltura. Dal lato della domanda, vi è un contributo positivo della componente nazionale al lordo delle scorte e un apporto negativo della componente estera netta. Nello stesso periodo il pil è aumentato in termini congiunturali dello 0,5 per cento negli Stati Uniti, dello 0,6 per cento nel Regno Unito e dello 0,4 per cento in Francia e in Germania. In termini tendenziali, la crescita è stata del 2,2 per cento nel Regno Unito, dell'1,9 per cento negli Stati Uniti e in Germania e dell'1,1 per cento in Francia.
La Commissione Ue nelle sue previsioni economiche d'inverno smorza però i toni e rivede le stime. Nel quadro dell'Eurozona che cresce dell'1,7 per cento nel 2016, dell'1,6 per cento nel 2017 e dell'1,8 per cento nel 2018, l'Italia resta in fondo alla classifica. Secondo le stime della commissione Ue, infatti, il nostro Paese farà registrare un più 0,9 per cento nel 2016 (comunque un rialzo rispetto allo 0,7 per cento precedentemente stimato), più 0,9 per cento nel 2017 e 1,1 per cento nel 2018. Pesano infatti i rischi per la situazione delle banche e l'incertezza politica, nonché le debolezze strutturali.

Fonte: Il Foglio